Memphis Milano: quarant’anni di stile e sperimentazione

29 Aprile 2021

Memphis Milano

Nato nel 1981 il marchio è ancora oggi un’icona di stile assoluta e sopra le righe

Corrente creativa, marchio, stile, esperimento: sono solo alcune delle possibili definizioni di Memphis Milano, un nome che evoca immediatamente un’attitudine libera e sperimentale al design, espressione di un periodo storico ma anche di un approccio che ancora oggi guida i progettisti a cui è rimasto nel cuore. A Memphis si associa immediatamente il nome di Ettore Sottsass e del resto, si racconta che proprio nel suo salotto si era riunito un gruppo di designer e architetti accomunati da una stessa visione. E ispirati dalla canzone Stuck Inside of Mobile with the Memphis Blues Again di Bob Dylan decisero di dare vita all’esperienza Memphis che dalla canzone mutua il nome. Si tratta – oltre che di Sottsass  – di Aldo Cibic, Matteo Thun, Marco Zanini, Martine Bedin, Michele De Lucchi, Nathalie Du Pasquier e George Sowden. È il 1980 e in una manciata di mesi danno vita a una collezione che, sotto la direzione artistica di Barbara Radice, viene presentata a Milano nel settembre del 1981.

Memphis Galleria Post Design Milano installazione, Photo Credit Luca Miserocchi, Courtesy Memphis srl
Memphis Galleria Post Design Milano installazione, Photo Credit Luca Miserocchi, Courtesy Memphis srl

L’iniziativa riscuote grande clamore e successo, sono i giorni del salone del mobile e la collezione spicca per originalità e libertà creativa. Colori, materiali e forme sono sfacciati, a tratti quasi kitsch eppure non scadono mai nel cattivo gusto. Memphis aveva dato vita ad una nuova idea di bellezza con una metodologia creativa molto vicina all’arte. E infatti, se alla fine degli anni ’80 l’esperienza del gruppo Memphis si esaurisce, nel 1989 nasce la collezione Meta-Memphis che affida agli artisti stessi – e non più ai designer – la progettazione di arredi e accessori. Il risultato è paradossale, con elementi molto spesso non utilizzabili ma significativi dal punto di vista estetico e concettuale.

Memphis Galleria Post Design Milano installazione, Photo Credit Luca Miserocchi, Courtesy Memphis srl
Memphis Galleria Post Design Milano installazione, Photo Credit Luca Miserocchi, Courtesy Memphis srl

Nel 1996 Alberto Bianchi Alberici, dopo dieci anni nel ruolo di amministratore, decide di acquistare l’azienda da Ernesto Gismondi continuando a editare i progetti originari in serie illimitata in coerenza con una visione democratica e non elitaria del design. Solo la collezione originaria, quella creata tra il 1981 e il 1988, è prodotta con il marchio Memphis, tutto ciò che viene dopo è accolto nel marchio Post Design, creato da Alberto Bianchi Alberici come evoluzione, separata, di quella esperienza. Da un lato resta dunque Memphis, come manifesto di un approccio omogeneo, e dall’altro c’è Post Design in cui c’è spazio anche per le singole visioni creative dei progettisti.

Vista della mostra Memphis Plastic Field Venezia, Palazzo Franchetti Venezia (24 Maggio al 25 Novembre 2018), Photo Credit Luca Miserocchi, Courtesy Memphis srl, Photo Credit Madd-Bordeaux-LaurentGuéneau
Vista della mostra Memphis Plastic Field Venezia, Palazzo Franchetti Venezia (24 Maggio al 25 Novembre 2018), Photo Credit Luca Miserocchi, Courtesy Memphis srl, Photo Credit Madd-Bordeaux-LaurentGuéneau

Memphis Milano, Meta Memphis e Post Design possono dunque essere considerati come tre passaggi successivi di una stessa storia ma allo stesso tempo restano tutti in vita anche come progetti a sé stanti. Ma al di là della struttura e dell’organizzazione operativa, il vero e proprio fenomeno è l’influenza che l’esperienza originaria ha esercitato su tutto il design che è venuto dopo e più in generale sul gusto. Lo “stile Memphis” si ritrova infatti anche nelle creazioni di designer che nel 1981 non erano ancora nati ma che hanno sposato quell’estetica colorata, libera dal punto di vista formale, sovversiva in modo ironico e di spessore dal punto di vista progettuale. 

Vista della mostra Memphis Plastic Field Venezia, Palazzo Franchetti Venezia (24 Maggio al 25 Novembre 2018), Photo Credit Luca Miserocchi, Courtesy Memphis srl, Photo Credit Madd-Bordeaux-LaurentGuéneau

A quarant’anni da quel salone del mobile in cui Ettore Sottsass e i suoi compagni di viaggio hanno presentato la loro collezione collettiva, Memphis è ancora un tema alla ribalta, discusso, analizzato, ricercato e studiato. E ogni arredo nato sotto il suo cappello è diventato un’icona riconosciuta in tutto il mondo.

”Sepik” di Marco Zanini 1983 – Collezione Memphis Milano, in esposizione alla mostra Memphis Plastic Field al Musée des Arts décoratifs et du Design di Bordeaux (21 Giugno 2019 – 5 Gennaio2020), Photo Credit madd-bordeaux-LaurentGuéneau, Courtesy Memphis srl
Vista della Mostra Memphis Plastic Field a MK Gallery, Milton Keynes (21 Novembre 2020-12 Settembre 2021), Photo Credit Rob Harria, Courtesy Memphis srl
Memphis Carlton
Memphis Pierre Tavolo
Memphis Nikko Cassettiera
Memphis Squash Posacenere

That’s Milano.
That’s More.

Una nuova esperienza di design, nella capitale del design: il nuovo showroom Mohd, in via Turati 3.

Visita lo showroom

Via Filippo Turati, 3
20121 Milano MI
Italy

Scegli i prodotti che ti ispirano e aggiungili alla Board

Crea e ricevi la tua board da condividere con chi vuoi oppure con un designer di mohd per informazioni o assistenza.

Dopo l’invio, puoi creare altre board, non c’è limite alla tua ispirazione.

Ho Capito, continua

Ricevi la tua Mohdboard con i prodotti che hai aggiunto

Invia il form, riceverai un’email con il link alla board dei prodotti che hai selezionato.

Condividi la tua ispirazione con il tuo partner e con gli amici, oppure con un designer di mohd per informazioni.

Dopo l’invio, puoi creare altre board. E se questa board non ti ispira più, puoi svuotarla con un reset e ricominciare.

Vuoi cancellare questa board? Fai un reset

Controlla la mail, la tua ispirazione è arrivata.

Ti abbiamo inviato un’email con il link alla board dei prodotti che hai selezionato.

Chiudi